Dal mondo della ricerca un interessante studio sugli effetti di una singola sessione di terapia online di un giorno per aiutare a curare la depressione post-partum.

Dal mondo della ricerca un interessante studio sugli effetti di una singola sessione di terapia online di un giorno per aiutare a curare la depressione post-partum.

Con l’articolo di oggi attingiamo dal mondo della ricerca per visualizzare un altro ambito di intervento in cui la Terapia a Seduta Singola può risultare efficace e estremamente valida soprattutto se utilizzata nei momenti di emergenza.

Parliamo di uno studio che ha coinvolto un gruppo di madri con depressione post-partum (PPD) che tra aprile e ottobre dello scorso anno, al culmine della pandemia, hanno partecipato a un seminario online di un giorno basato sulla Terapia Cognitivo comportamentale (CBT), combinata al trattamento standard per curare tale problematica (Van Lieshout, Haley Layton, Savoy et al., 2021).

 

Che incidenza ha la Depressione Post- Partum e come si accede alle cure?

La depressione post-partum (PPD) colpisce fino al 20% delle madri, ma solo 1 su 10 di queste donne riceve un trattamento basato sull’evidenza. 

La pandemia da COVID-19 lo scorso anno ha aumentato il rischio di PPD, avendo provocato una riduzione dell’accesso al trattamento e avendolo spostato verso l’assistenza virtuale.

 

 

Quale è stato l’obiettivo dello studio.    

Lo studio ha avuto come obiettivo quello di verificare l’efficacia di un seminario online della durata di un giorno basato sulla Terapia Cognitivo Comportamentale (CBT) in aggiunta al trattamento standard per il la PPD. La realizzazione del seminario aveva come finalità la riduzione dei sintomi dell’ansia, il potenziamento del supporto sociale e il miglioramento della qualità della relazione madre-bambino e del temperamento infantile rispetto al trattamento standard da solo.

 

 

Dove e con chi è stato svolta la ricerca?

Lo studio clinico ha incluso 403 donne con PPD provenienti da tutto l’Ontario, che hanno richiesto un sostegno durante il periodo dal 20 aprile al 4 ottobre 2020. Le donne coinvolte presentavano punteggi EPDS (Edinburgh Postnatal Depression Scale) di almeno 10, avevano 18 anni o più e avevano un bambino di età inferiore ai 12 mesi.

 

 

Che tipologia di interventi sono stati forniti? 

Le donne divise in due gruppi sono state assegnate in modo casuale nel primo caso a un seminario online interattivo di 1 giorno basato sulla CBT in contemporanea al trattamento standard (n = 202), nel secondo caso sono state sottoposte al trattamento standard e messe in lista d’attesa per ricevere il workshop 12 settimane dopo (n =201).

I workshop svolti in diretta, hanno incluso esercizi di gruppo, giochi di ruolo e moduli sulle cause della PPD utili a identificare e modificare i modelli di pensiero difficili e le strategie per aiutare a cambiare i comportamenti per migliorare l’umore e l’ansia.

 

 

Quali erano gli esiti previsti?

L’esito primario ipotizzato era il cambiamento nella PPD (punteggi EPDS) nel gruppo di controllo sperimentale e in quello in lista d’attesa per il trattamento 12 settimane dopo. 

Gli esiti secondari includevano l’ansia materna (Generalized Anxiety Disorder Questionnaire), il supporto sociale (Social Provisions Scale), la qualità della relazione madre-bambino (Postpartum Bonding Questionnaire) e il temperamento infantile (Infant Behavior Questionnaire–Revised Forma molto breve).

 

 

E i risultati ottenuti?

Il workshop ha comportato:

  • Riduzioni medie significative dei punteggi EPDS.
  • Diminuzione dei punteggi medi sull’ansia generalizzata.
  • Miglioramenti rispetto al legame e all’ansia focalizzata sul bambino, al supporto sociale e all’affettività/urgenza positiva verso i nei neonati.

 

 

Conclusioni

I risultati della ricerca suggeriscono che i seminari online di 1 giorno basati sulla CBT forniscono dati   per trattare un gran numero di donne con PPD in modo efficace ed efficiente, aumentando l’accesso e supportando approcci di cura graduale.

Durante la pandemia ad esempio una madre su tre è stata colpita da depressione post-partum e questo studio ha mostrato per la prima volta che tale problematica può essere trattata anche online con un solo giorno e che le sessioni di terapia a distanza possono aiutare a ridurre gli ostacoli al trattamento, compresi i tempi di viaggio, i costi e il rischio, come in questo caso, di esposizione al COVID-19 sia per le madri che per i bambini. Le madri inoltre hanno potuto accedere autonomamente alle sessioni senza doversi rivolgere prima a un medico.

 

Se vuoi saperne di più sulla Terapia a Seduta Singola e approfondire il metodo, puoi leggere il nostro link (clicca qui) “Terapia a Seduta Singola. Principi e pratiche” o partecipare a uno dei nostri workshop (clicca qui).

Angelica Giannetti
Psicologa, Psicoterapeuta
Team dell’Italian Center
for Single Session Therapy

 

 

Bibliografia.

Cannistrà, F., & Piccirilli, F. (2018). Terapia a Seduta Singola: Principi e pratiche. Giunti Editore.

Van Lieshout, R.J., et al. (2021). Effect of Online 1-Day Cognitive Behavioral Therapy–Based Workshops Plus Usual Care vs Usual Care Alone for Postpartum Depression A Randomized Clinical Trial. JAMA Psychiatry.

Henderson, E. (2021). One-day online therapy session can help treat postpartum depression. New Medical from https://www.news-medical.net/news/20210908/One-day-online-therapy-session-can-help-treat-postpartum-depression.aspx

 

 

Iscriviti ora (nel seguente form) e rimani aggiornato con importanti novità sulla Terapia a Seduta Singola e il prossimo Simposio di TSS (in Italia)!

Angelica Giannetti