Terapia a Seduta Singola e web: una ricerca sulla TSS on line per l’intervento sul gioco d’azzardo

Terapia a Seduta Singola e web: una ricerca sulla TSS on line per l’intervento sul gioco d’azzardo

Terapia a Seduta Singola e web: una ricerca sulla TSS on line per l’intervento sul gioco d’azzardo

Nell’articolo di oggi affronteremo un tema di grande attualità rispetto al mondo delle psicoterapie ovvero la crescita di servizi psicologici forniti tramite web, soffermandoci in particolare su una ricerca riguardante la fornitura di un servizio di Terapia a Seduta Singola on line per giovani che presentano una dipendenza dal gioco d’azzardo (Rodda et al., 2016).

 

Qual è la situazione rispetto all’utilizzo delle nuove tecnologie per l’intervento rivolto alla dipendenza dal gioco d’azzardo?

Negli ultimi dieci anni c’è stata un’enorme crescita nella fornitura di servizi sanitari online (King et al., 2010). La consulenza tramite web ha fornito assistenza a migliaia di giocatori d’azzardo a livello internazionale e nello specifico per oltre 10 anni nel Regno Unito e dal 2009 in Australia.

Nel settore del gioco d’azzardo patologico la consulenza tramite web si è rilevata particolarmente importante dal momento che dalle ricerche è emerso che solo il 10-15% delle persone dipendenti dal gioco d’azzardo frequentano i tradizionali servizi e cercano un aiuto (Productivity Commission 2010).

 

Quali sono gli ostacoli nella richiesta di aiuto per chi presenta una dipendenza dal gioco d’azzardo?

Gli ostacoli riscontrati rispetto al trattamento comprendono l’orgoglio, la negazione, la vergogna e la paura dello stigma (Suurvali et al., 2009; Gainsbury et al., 2014).

 

Quali elementi, invece, favoriscono il suo utilizzo?

È importante sottolineare che la consulenza tramite web attrae persone che cercano nuove tipologie di trattamento (Rodda et al., 2013a, b; Rodda & Lubman, 2014; Dowling et al., 2014), viene considerata dai clienti di facile accesso e conveniente in quanto garantisce l’anonimato e l’opportunità di avere un contatto discreto con un professionista della salute (King et al., 2006a; Wood & Griffiths, 2007; Rodda et al., 2013a, b), infine spesso è offerta senza appuntamento o liste di attesa.

 

Come viene erogato il servizio on line?

Rispetto alla gamma degli interventi erogati su Internet (ad es. Auto-diretto, autovalutazione), la consulenza on line è quella che si avvicina maggiormente a una terapia in quanto lo scambio tra cliente e professionista avviene in maniera sincrona. Il cliente in genere contatta un servizio quando insorge una necessità e può mantenere il contatto per il tempo necessario anche se le sessioni di consulenza durano in genere circa 50 minuti (Rodda & Lubman, 2014).

 

Ci sono ricerche rispetto a come funziona la terapia on line e alla sua efficacia?

Nonostante le ricerche in merito all’efficacia della consulenza on line non sono ancora molte, una recente revisione sistematica della letteratura ha rintracciato sei studi che hanno misurato l’efficacia della chat online per diverse problematiche (ad es. depressione, problemi sul posto di lavoro, ansia e supporto in generale) (Dowling & Rickwood, 2013), di cui quattro hanno incluso anche la misurazione dell’efficacia della singola sessione tramite chat. Rispetto a questi ultimi Dowling & Rickwood (2013) hanno concluso che la chat online era stata efficace con un effetto positivo sulla riduzione dell’angoscia e del problema percepito, nonché un miglioramento del benessere e del funzionamento globale della persona.

 

Cosa evidenzia lo studio condotto da Rodda et al. (2016) e descritto di seguito?

La ricerca Improved Outcomes Following a Single Session Web-Based Intervention for Problem Gambling condotta da Rodda et al. (2016) suggerisce che gli interventi online possono avere un impatto immediato per l’intervento con il gioco d’azzardo, anche se sono ancora da testare con adulti in cerca di aiuto e in particolare con quelli con problemi di gioco d’azzardo.

 

Cosa ha valutato nello specifico la ricerca?

Lo studio ha cercato di verificare l’impatto di un singolo intervento on line sui problemi del gioco d’azzardo e di esaminare le valutazioni dei clienti rispetto alle singole sessioni svolte tramite chat.  

 

Chi ha partecipato alla ricerca?

La ricerca ha coinvolto 229 partecipanti classificati come giocatori problematici, reclutati tra novembre 2010 e febbraio 2012 dal Gambling Help Online, un servizio che offre consulenza e informazioni immediate e gratuite (24 ore su 24 per 7 giorni su 7) a chiunque sia interessato al gioco d’azzardo problematico.

 

Quali risultati sono emersi?

Completate le valutazioni sulla rapidità del cambiamento e dell’angoscia sia prima che dopo il counselling e quelle post-consulenza sulle caratteristiche della sessione per rilevarne la profondità e la fluidità, è stato rilevato un aumento significativo della fiducia a resistere al gioco d’azzardo e a una significativa riduzione dell’angoscia dopo aver ricevuto la consulenza online (Rodda et al., 2016).

 

Conclusioni

In conclusione la ricerca riportata nell’articolo ci ha permesso di scoprire che i risultati positivi associati alla singola consulenza on line per il gioco d’azzardo sono coerenti con quanto è stato rilevato dalla letteratura sulla Terapia a Seduta Singola considerata efficace per una vasta gamma di disturbi (Talmon 1990). Sebbene sia necessario un ulteriore follow-up per determinare l’impatto della singola consulenza on line sui risultati a lungo termine dell’intervento, l’attuale studio permette di ampliare la letteratura disponibile sul tema fino ad accertare che una singola sessione di consulenza online ha un impatto immediato sulla sicurezza e sull’angoscia dei giocatori d’azzardo, che ne sperimentano degli effetti positivi almeno a breve termine.

 

Se vuoi saperne di più sulla Terapia a Seduta Singola e approfondire il metodo, puoi leggere il nostro link (clicca qui) “Terapia a Seduta Singola. Principi e pratiche” o partecipare a uno dei nostri workshop (clicca qui).

Angelica Giannetti
Psicologa, Psicoterapeuta
Team dell’Italian Center
for Single Session Therapy

Bibliografia

Dowling, M., & Rickwood, D. (2013). Online counseling and therapy for mental health problems: A systematic review of individual synchronous interventions using chat. Journal of Technology in Human Services, 31(1), 1–21.

Dowling, N., Smith, D., & Thomas, T. (2006). Treatment of female pathological gambling: The efficacy of a cognitive-behavioural approach. Journal of Gambling Studies, 22(4), 355–372.

Dowling, N., Smith, D., & Thomas, T. (2007). A comparison of individual and group cognitive-behavioural treatment for female pathological gambling. Behaviour Research and Therapy, 45, 2192–2202.

Dowling, N., Smith, D., & Thomas, T. (2009). A preliminary investigation of abstinence and controlled gambling as self-selected goals of treatment for female pathological gambling. Journal of Gambling Studies, 25(2), 201–214.

Dowling, N. A. (2013). Treatment of female problem gambling. In D. Richard, A. Blaszczynski, & L. Nower (Eds.), The Wiley-Blackwell handbook of disordered gambling (pp. 225–250). West Sussex: Wiley.

Dowling, N. A., Cowlishaw, S., Jackson, A., Merkouris, S., Francis, K., & Christensen, D. (2015a). The prevalence of comorbid personality disorders in treatment-seeking problem gamblers: A systematic review and meta-analysis. Journal of Personality Disorders, 29(6), 735–754.

Dowling, N. A., Cowlishaw, S., Jackson, A. C., Merkouris, S. S., Francis, K. L., & Christensen, D. R. (2015b). The prevalence of psychiatric comorbidity in treatment-seeking problem gamblers: A systematic review and meta-analysis. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry, 49(6), 519–539.

Dowling, N. A., Rodda, S. N., Lubman, D. I., & Jackson, A. C. (2014). The impacts of problem gambling on concerned significant others accessing web-based counselling. Addictive Behaviors, 39(8), 1253–1257.

King, R., Bambling, M., Lloyd, C., Gomurra, R., Smith, S., Reid, W., et al. (2006a). Online counselling: The motives and experiences of young people who choose the internet instead of face to face or telephone counselling. Counselling and Psychotherapy Research, 6(3), 169–174.

King, R., Bambling, M., Reid, W., & Thomas, I. (2006b). Telephone and online counselling for young people: A naturalistic comparison of session outcome, session impact and therapeutic allience. Counselling and Psychotherapy and Research, 6(3), 175–181.

King, R., Bickman, L., Shochet, I., McDermott, B., & Bor, B. (2010). Use of the internet for provision of better counselling and psychotherapy services to young people, their families and carers. Psychotherapy in Australia, 17(1), 66–74.

Productivity Commission. (2010). Gambling (Report Number 50). Canberra.

Reynolds, D. A. J., Stiles, W. B., Bailer, A. J., & Hughes, M. R. (2013). Impact of exchanges and clienttherapist alliance in online-text psychotherapy. Cyberpsychology, Behavior, and Social Networking, 16(5), 370–377.

Rodda, S. N., & Lubman, D. I. (2012). Ready to change: A scheduled telephone-counselling program for problem gambling. Australasian psychiatry, 20(4), 338–342.

Rodda, S., & Lubman, D. I. (2014). Characteristics of gamblers using a national online counselling service for problem gambling. Journal of Gambling Studies, 30(2), 277–289.

Rodda, S. N., Lubman, D. I., Cheetham, A., Dowling, N. A., & Jackson, A. C. (2015a). Single session webbased counselling: A thematic analysis of content from the perspective of the client. British Journal of Guidance and Counselling, 43(1), 117–130.

Rodda, S. N., Lubman, D. I., Dowling, N., Bough, A., & Jackson, A. (2013a). Web-based counseling for problem gambling: Exploring motivations and recommendations. Journal of Medical Internet Research, 15(5), e99.

Rodda, S. N., Lubman, D. I., Dowling, N. A., & McCann, T. V. (2013b). Reasons for using web-based counselling among family and friends impacted by problem gambling. Asian Journal of Gambling Issues and Public Health, 3(1), 1–11.

Rodda, S. N., Lubman, D. I., Iyer, R., Gao, C., & Dowling, N. (2015b). Subtyping based on readiness and confidence: The identification of help-seeking profiles for gamblers accessing web-based counselling. Addiction, 110, 494–501.

Rodda, S.N., Lubman, D. I, Jackson, A. C., Dowling, N. A. (2016). Improved Outcomes Following a Single Session Web-Based Intervention for Problem Gambling. Springer Science+Business Media, New York.

Suurvali, H., Cordingley, J., Hodgins, D. C., & Cunningham, J. A. (2009). Barriers to seeking help for gambling problems: A review of the empirical literature. Journal of Gambling Studies, 25(3), 407–424.

Talmon, M. (1990). Single-session therapy: Maximizing the effect of the first (and often only) therapeutic encounter. Jossey-Bass.

Wood, R. T. A., & Griffiths, M. (2007). Online guidance, advice and support for problem gamblers and concerned relatives and friends: An evaluation of the GamAid pilot service. British Journal of Guidance and Counselling, 35(4), 373–389.

 

Angelica Giannetti

I commenti sono chiusi